Un luogo dove stare meglio

 

Per ognuno ne esiste almeno uno comodo e accogliente.

mansarda Parigi

Si sceglie di pancia, istintivamente e lo si cura amorevolmente.

Spazioso o piccino, incantevole o carino importa che abitarlo faccia sentire bene.

E’ meglio averne più di uno, per attività diverse e per stati d’animo differenti. Varie nicchie ecologiche, per essere nei momenti, per seguire il cammino del sole, dal suo sorgere al suo tramontare. Differenziare favorisce e crea l’ordine interiore.

Ci sono luoghi che lasciano a bocca aperta. In questi non si agisce, si ammira; l’animo si fa appagato e colmo di forti emozioni.

Gli istanti in cui si è nello scorrere della propria vita, del suo pulsare, del suo fremere sono preziosi, si è di fronte allo specchio dei nostri dentro e fuori. Lì ci si percepisce minuti e immensi. Minuti di fronte alla storia, alle vite e allo spazio. Immensi perché abbiamo un dono incommensurabile, di anni mesi giorni minuti secondi. Di fronte a un dono che si fa? prima si ringrazia, poi lo si osserva e quindi lo si abbraccia. La vita va afferrata con forza e coraggio. Lasciarla scorrere scialba è condannarci non solo a uno spreco di tempo, ma allo spreco di noi stessi. Abbiamo a disposizione una nostra dimensione e in essa possiamo andare alla ricerca del nostro io. Quando comunichiamo dai nostri cantucci tutto si muove, vibra sino a sfiorare la più profonda bellezza del vivere.

Stare meglio è essere noi nelle terre che ci appartengono e che ci appagano. Per trovarle ci vuole determinazione, per abitarle continuità, per apprezzarle la capacità di sedersi a contemplare.

Uno specialista in Relazioni d’Aiuto racconta di tante e tante possibilità, stimola la curiosità, parla dello scegliere, ma non è lui a trovare i nostri luoghi, non può e non deve. Siamo sempre noi a metterci alla loro ricerca, sapendo che il magico, l’incredibile, l’ovattato, il piacevole e il silenzioso esistono. E’ bello e giusto che stia ad ognuno la scelta, in quello che è il vero regno della libertà.

Un rifugio può essere molto vicino, dentro la nostra casa o pochi passi più in là o più in là ancora. Un divano e la sua musica intorno, una cucina e i suoi profumi, una panchina nel verde di un prato, un colle e le sue luci… Se ne abbiamo di sparsi tra il prossimo e il lontano ci sarà facile uscire dai pensieri e lasciarci attraversare dalle onde del fuori. Ne usciremo rinfrancati e trasformati.

coolgrasses.jpg

Annunci